6/21/2019

Uno studio sull’acquisto del monopattino elettrico

La rapida crescita del mercato dei monopattini elettrici privati

Una ricerca nata in collaborazione tra Unagi Scooters e la Haas School of Business della UC Berkeley ha rivelato che i monopattini elettrici apporteranno un’entrata annuale tra i 34 e i 42 miliardi di dollari (circa 28-35 miliardi di euro) entro il 2025.

Mentre le società di monopattini condivisi rivendicano la maggior parte delle quote di mercato, Unagi e la Haas School stimano che il 35% dei conducenti preferirà acquistare, piuttosto che noleggiare, un monopattino. Di conseguenza, le vendite dei monopattini elettrici potrebbero costituire un ricavo annuale di 12 miliardi di dollari (circa 10 miliardi di euro) entro il 2025.

Monopattini condivisi per muoversi: da soluzione a problema pubblico

Cosa c’è che non va con i monopattini condivisi? In quasi tutte le grandi città del mondo sono impossibili da evitare: i monopattini elettrici dockless di Bird, Lime e altre società sfrecciano sulle strade, sui marciapiedi e sulle piste ciclabili. Sono ben visti dalla maggior parte dei pendolari, ma infastidiscono gli altri pedoni poiché ingombrano i marciapiedi, aumentano il traffico pedonale e gli incidenti.

Per le persone disabili sono un pericolo maggiore, soprattutto in prossimità di marciapiedi, rampe e strisce pedonali. Fin dall’inizio, i monopattini condivisi hanno generato controversie e disagi per i pendolari e le autorità cittadine. Numerose sono le cause in corso, con le amministrazioni cittadine che denunciano“negligenza grave”, addirittura “favoreggiamento dell'aggressione” e “disordini ”. In risposta, le città degli Stati Uniti hanno iniziato a vietare e limitare il numero delle corse in condivisione dei monopattini.

Monopattini elettrici: soluzione indispensabile per la micromobilità

Qualunque siano i meriti della normativa, è ormai evidente che i monopattini condivisi costituiscano un problema. D’altro canto però, è difficile che questi veicoli vengano accantonati in quanto rappresentano una soluzione di mobilità per milioni di conducenti, che ne apprezzano il divertimento e la praticità. Secondo alcune proiezioni, entro il 2025 l’uso dei monopattini condivisi potrà superare il ride-hailing nelle aree metropolitane degli Stati Uniti. Attualmente, biciclette e monopattini costituiscono il 60% degli spostamenti inferiori agli 8 km. Nonostante l'ondata di cattiva pubblicità ricevuta (meritata o meno), il supporto pubblico per i monopattini elettrici rimane elevato. Secondo un sondaggio Populus svolto in 11 grandi città degli Stati Uniti, il 70% delle 7.000 persone intervistate ha un’opinione positiva sui veicoli a due ruote. Le soluzioni compatte di micromobilità, come i monopattini elettrici, semplificano gli spostamenti rispetto al trasporto pubblico, permettono di viaggiare leggeri (per molti una necessità in un mondo del lavoro sempre più mobile), sono divertenti e facili da usare in città, lontani da ingorghi e affollamenti metropolitani.

Monopattini elettrici, urbanizzazione in crescita e congestione del traffico

Perché i monopattini elettrici sono una soluzione di trasporto vantaggiosa? Vari fattori hanno aumentato la popolarità di questi veicoli, tra cui la crescente urbanizzazione, l’aumento del traffico e la scarsità di parcheggi nelle aree metropolitane. I monopattini sono una soluzione ecologica che, a differenza delle biciclette, non lascerà i conducenti sudati e senza fiato una volta raggiunta la destinazione. Inoltre, molte città mirano a limitare l'uso dell'auto e a promuovere altre modalità di trasporto, con il potenziamento di piste ciclabili e relative infrastrutture. Infatti, aziende come Spin hanno rilevato che la domanda di monopattini è da 10 a 20 volte superiore rispetto a quella delle biciclette.

La congestione del traffico si aggrava di giorno in giorno. Entro il 2025, l'83% della popolazione statunitense vivrà in un'area metropolitana, mentre le città del futuro dovranno limitare gli spostamenti in auto. Il movimento urbanistico noto come Neourbanesimo vuole progettare aree cittadine “Per le persone, non per le auto”, afferma il New Urban Network. Ciò include biciclette, monopattini e altri veicoli personali, con una stima del 26% di adulti che useranno i monopattini condivisi come uno dei mezzi di trasporto.

Si stanno inoltre adottando nuovi modelli di pianificazione a favore di pedoni e conducenti non solo nelle grandi e nelle piccole città in crescita ma anche in quelle zone che l'Ufficio del Censimento americano identifica come “Aree residenziali, commerciali e non residenziali densamente sviluppate” e nelle periferie che si stanno“urbanizzando”. Ci sarà un aumento della domanda dei piccoli veicoli nelle aree in via di sviluppo proprio com’è avvenuto nelle grandi città, come New York e Los Angeles. I monopattini elettrici rientreranno in questo scenario e diventeranno un mezzo di trasporto essenziale per milioni di pendolari e di sportivi del fine settimana.

Perché acquistare un monopattino elettrico

L'esperienza modesta dei monopattini condivisi e il crescente appeal dei monopattini elettrici come mezzo di trasporto confermano, come prima scelta, l’acquistorispetto al noleggio, e numerosi conducenti confermano questo trend. Secondo un sondaggio del 2018 condotto da Berkeley Haas, il campione di 273 adulti di età compresa tra 18 e 45 anni, il 23-48% afferma che preferirebbe possedere un monopattino piuttosto che noleggiarne uno. Il motivo è semplice. Sebbene i monopattini condivisi siano convenienti, purtroppo sono anche inaffidabili. Guidarne uno all’andata non garantisce in alcun modo una corsa disponibile al ritorno. È inoltre impossibile per i conducenti prevedere o controllare se un monopattino sia stato danneggiato da un uso eccessivo.

A lungo termine, l’acquisto di un monopattino rappresenta una soluzione più sicura e conveniente rispetto al noleggio. Sebbene inizialmente sembri vantaggioso, con un costo di partenza di $1 (€ 0,84) e $0.15 (€ 0,13) in più al km, un sondaggio sulla micromobilità rivela che quasi il 40% dei conducenti spende più di $30 al mese (25,00€), con i pendolari giornalieri che spendono in media quasi il doppio. Conviene acquistare un monopattino per sostituire auto, spostamenti a piedi, trasporto pubblico, taxi e ridesharing.

Un monopattino Unagi in finanziamento è la soluzione ideale

La ricerca condotta da Unagi e dalla UC Berkeley ha anche rivelato che il prezzo ideale per l’acquisto di un monopattino è una tariffa mensile inferiore a 30 dollari (25,00€) al mese. Per garantire questo prezzo, Unagi ha modificato il suo modello di business per concentrarsi unicamente sulla vendita diretta, eliminando il distributore intermediario e abbassando il prezzo target. A partire da oggi, Unagi offre una soluzione di finanziamento integrata con opzioni di prezzo a partire da $25 (20,00€) al mese per il modello base. Di conseguenza, il prezzo d'acquisto al dettaglio per il modello E250 è calato da 890,00 a 840,00 dollari (da 750,00€ a 705,00€ circa), mentre il prezzo dell’E500 è sceso da 1.090 a 990 dollari (da 920,00€ a 830,00€ circa).

L’acquisto di un monopattino è un'alternativa interessante e più conveniente rispetto amonopattini e biciclette condivisi, al ride-hailing e al trasporto pubblico. Allo stesso prezzo di noleggiosi ha a disposizione un monopattino high-tech affidabile, pronto ad ogni occorrenza. Scrive Gizmodo: “Unagi potrebbe benissimo sostituire un’automobile, a prescindere dalle distanze o esigenze di guida”. Con il peggioramento del traffico, delle condizioni di parcheggio e dell'impatto ambientale, Unagi offre un’alternativa chiara ai pendolari e agli esploratori urbani. Una soluzione di micromobilità non solo funzionale ma anche bella da vedersi.

La concorrenza di mercato è elevata, ma Unagi emerge come il brand migliore della categoria in materia di design e performance. Unagi ha preso parte ad ogni fase del processo di progettazione, testando ogni prototipo fino a raggiungere la perfezione. Nella sua recensione, Electrek scrive: “Nessun altro monopattino elettrico può raggiungere gli stessi livelli di Unagi sul piano della qualità costruttiva o dell’estetica”. Il design e le prestazioni lo eleggono come un modello “Che non vorrai condividere con nessuno”, commenta The Verge.

Unagi è dotato di design elegante, con materiali di ultima generazione, durata eccezionale, motori eccellenti costruiti su misura e batterie LG ultra-performanti. È il monopattino elettrico più maneggevole sul mercato. Grazie alla semplice chiusura con un solo “clic”, puoi portarlo ovunque. I due modelli disponibili, l’E250 a motore singolo e l'E500 a doppio motore, offrono maggiori prestazioni rispetto ad altri monopattini presenti sul mercato. Scegli Unagi per un'esperienza sicura, elegante e affidabile.


Unagi Life
Chi è l’inventore del monopattino?

12/8/2020

Chi è l’inventore del monopattino?

Quando è nato il monopattino elettrico?

Monopattini elettrici: gamma vs peso

8/19/2020

Monopattini elettrici: gamma vs peso

I progressi nella tecnologia delle batterie hanno permesso di costruire un mercato di monopattini elettrici di alta qualità per ogni uso per muoversi in quartiere e per scampagnate fuori città.

Bici elettriche vs monopattini elettrici: quali scegliere?

8/14/2020

Bici elettriche vs monopattini elettrici: quali scegliere?

La micromobilità è diventata realtà. I veicoli elettrici personali stanno risolvendo i problemi di spostamento a breve raggio e sostituendo i viaggi su quattro ruote...

Vale la pena comprare un monopattino elettrico?

6/17/2020

Vale la pena comprare un monopattino elettrico?

Con l'aumento della popolazione nelle città e il conseguente incremento del traffico, il pendolarismo è diventato ormai insostenibile.

Uno studio sull’acquisto del monopattino elettrico

6/21/2019

Uno studio sull’acquisto del monopattino elettrico

La rapida crescita del mercato dei monopattini elettrici privati Una ricerca nata in collaborazione tra Unagi Scooters e la Haas School of Business della UC Berkeley...

La storia del monopattino

5/10/2019

La storia del monopattino

Due ruote e un’asse. Così è nato il monopattino, un mezzo di trasporto che ha visto negli anni i suoi alti e bassi nell’uso e nella popolarità, ineguagliabile rispetto ad altri mezzi moderni.

Micromobilità e cultura locale

4/15/2019

Micromobilità e cultura locale

“Bello il vostro quartiere. Sarebbe un peccato se ci passasse un'autostrada”. È questo il testo sul volto di Robert Moses in un meme che ha lanciato il gruppo Facebook “New Urbanist Memes for Transit-Oriented Teens”.